Bianchi Gianfranco

Gianfranco_Bianchi_2014 2 (1)

Gianfranco Bianchi è nato a Massa nel 1962, abita a Pistoia e dipinge da diversi anni.
Proviene da un passato artistico musicale evolutosi dal 2003 nella realizzazione di “Veri Falsi d’Autore”.
Ha cominciato a dipingere Opere originali nel 2009.
La principale tecnica usata è il Dripping e le sue Opere appartengono quindi alla Corrente Artistica denominata “Espressionismo Astratto”.
Le Gallerie d´Arte di riferimento sono Giò Art di Lucca e Merlino Bottega d´Arte di Firenze.
Dal 2013 fa parte del Movimento artistico e culturale del Metateismo.

Dice di sé:
– Nel 2009, guardando un bel film su Jackson Pollock mi è venuta l’idea di ispirarmi a lui e sono nati i primi quadri. Ho deciso anche di abbandonare i colori ad olio, usati per i miei Veri Falsi d’Autore, e di usare colori e smalti acrilici.
Il mio Dripping, inizialmente “classico” si è evoluto prima nel genere definito “Liquidismo”, cioè quadri con colori sgocciolati come nel Dripping ma mescolati grazie all´inclinazione della tela, poi in un genere decisamente “materico” in cui i colori, applicati senza economia, creano un effetto di rilievo evidente.
Un´altra evoluzione del mio Dripping è schizzare il colore sulla tela (invece di sgocciolarlo) creando quelle che io chiamo “pagliuzze”, cioè piccoli tratti colorati che sembrano essere stati fatti con un pennello. Questa variazione del Dripping la chiamo Sketching.
Lavoro quasi sempre su telai telati di spessore di circa 4 cm, e applico il colore anche sui bordi, mettendo lo stesso impegno che metto sulla tela frontale.
Le mie opere possono quindi essere appese al muro senza bisogno di cornice o al massimo con cornice senza vetro.
Preferisco dipingere telai quadrati, invece dei classici rettangolari ma lavoro anche su telai triangolari e su strutture più complesse che si possono definire quadri-scultura o istallazioni.
Nelle mie opere informali spesso s’intravedono forme che prendono vita grazie all´immaginazione di chi guarda. Altre forme, anziché dipinte, vengono create unendo i telai (Forme Creative).
L’Action-Painting scompare rimanendo però Dripping quando esprimo concetti, lancio messaggi in opere premeditate. Spesso è presente una didascalia – parte integrante dell´Opera – che mi permette di spiegare al meglio il mio pensiero.
Viviamo in un mondo complesso e caotico e sono convinto che le cose accadano per caso.
Le opportunità però vanno sapute creare, al fine di incanalare il nostro futuro nella direzione voluta.
Questo concetto tento di trasferirlo nella mia pittura, in cui il caos, dove sembrano regnare i colori, è solo apparente perché esiste, osservando bene, una logica, che io chiamo “Il Caos Apparente”.
Dipingendo cerco di divertirmi, di comunicare e di creare quadri eleganti che piacciano innanzitutto a mia moglie. Quando ricevo la sua approvazione la mia opera è pronta per affrontare il giudizio di critici e pubblico.-

RASSEGNE D’ARTE

2010:
“Ausstellung Kleinformate 2010″ – Collettiva a Meisterschwanden (Svizzera) presso Kunst Forum International (Dicembre);
“L´Atmosfera della Tecnica Surreale” – Personale a Montecatini Terme presso la Casa Del Pittore, Dello Scultore e del Poeta (Novembre/Dicembre);
“Triennale dell´Astratto e del Surreale” – Collettiva all´Accademia di Romania in Roma con la Galleria Il Trittico Arte (Luglio);
“ArtePordenone” – Collettiva a Pordenone con la Galleria Artpoint Firenze (Aprile);
“VitArte” – Collettiva a Viterbo con la Galleria Artpoint Firenze (Marzo);

 2011:
“Il Caos Apparente” – Personale alla Galleria Wikiarte di Bologna (Dicembre);
“Arte in Tricolore” – Collettiva a Torino alla Galleria Arte Città Amica (Novembre);
“Collettiva alla Galleria Am Art di Bruxelles” (Giugno);
“Parlando d´Arte…la diversità” – Personale a Pistoia con l´Associazione culturale della Robbia (Aprile);
“Personale di Gianfranco Bianchi” – Personale al Café du Globe di Pistoia (Febbraio-Marzo);

2012:
“Apocalisse o Nuova Era?” – Collettiva – Mini Personale alla Galleria Wikiarte di Bologna (Settembre – Ottobre);
“Palio Artistico di Milano” – Collettiva al Palazzo Isimbardi di Milano (Settembre);
“Artisti in Santa Croce” – Collettiva alla Simboli Art Gallery di Firenze in collaborazione con Wikiarte (Febbraio);
“Expò Bologna 2012″ – Collettiva alla Galleria Wikiarte di Bologna (Gennaio);

2013:
“ArtePadova” – 24a Mostra Mercato d´Arte Moderna e Contemporanea, con la Galleria Wikiarte (Novembre);
“L´Arte dice NO! SI alle emozioni NO alle violenze” – Evento di beneficenza al Palazzo Congressi della Provincia di Milano
con il Movimento Metateista (Ottobre);
“Singles” – Collettiva alla Galleria RossoCinabro di Roma – (Ottobre);
“Tre Passi Nel Delirio: Fellini Truffaut Kubrick” – Collettiva alla Galleria Wikiarte di Bologna – (Settembre);
“Il Dripping…a modo mio” – Personale alla Galleria Wikiarte di Bologna (Maggio);
“Small Wonders” – Collettiva presso Linea Spazio Arte Contemporanea di Firenze (Aprile-Maggio);
“Sensazioni Artistiche” – Collettiva alla Galleria Mentana di Firenze (Aprile – Maggio);
“Sei Artisti per sei regioni” – Collettiva alla Galleria La Telaccia di Torino (Aprile);
“face to face” – Mini Personale al Garage Bonci di Pietrasanta (Marzo-Aprile);
“Expò Bologna 2013″ – Collettiva alla Galleria Wikiarte di Bologna (Gennaio);

 2014:
“Alla Ricerca della Vita, alla Scoperta delle Origini” – Personale alla Galleria Merlino Bottega d´Arte di Firenze (Settembre);
“Past for present” – Collettiva al Palazzo Laurenti di Spoleto a cura del Prof. Puntelli (Agosto);
“Primo Convegno Nazionale del Movimento del Metateismo”- Collettiva al Teatro di Vattaro (Giugno);
“ArteGenova” – 10a Mostra Mercato d´Arte Moderna e Contemporanea, con la Galleria Arte Giò Art di Lucca (Febbraio);
“Monochromes” . Collettiva alla Galleria M4A-Made4Art di Milano (Febbraio);
“Expò Bologna 2014″ – Collettiva alla Galleria Wikiarte di Bologna (Gennaio);

2015:
Mostra personale – galleria Maison d’Art Padova (Gennaio)
Rassegna nazionale “Dipinti d’Autore” – Palazzo Varotari – Maison d’Art Padova – Archivio Monografico dell’Arte Italiana (Gennaio)
Rassegna nazionale “IMille Volti di Venezia” – Scoletta San Zaccaria – Venezia – Maison d’Art Padova – Archivio Monografico dell’Arte Italiana (Febbraio)