Category Archives: Scultori

Martin Raffaele

001

ARCHIVIO STORICO DELL’ARTE ITALIANA

002

GLI AUTORI DELLA STORIA

Il maestro Raffaele Martin vive ed opera a Padova

Cell. 320.2989926

e-mail: vendite@daracablaggi.it

Attestato Archiviazione 2019 per sito

Raffaele Martin – Padova – Nella narrazione allusiva, quanto, onirica risalta un movimento rappresentativo che è insito nella pittura, mentre avanza in passo lieve una giovane donna in visione liberty come simbolo di armoniosa bellezza, delicatamente coperta da chiome fluenti ed immersa nella natura che sublima l’incanto del reale, stagliandosi dal supporto materico, tra tenue tonalità in magica fusione, in cui aleggia il sogno per un’inedita idea d’arte.

Carla d’Aquino Mineo

BIOGRAFIA

Raffaele Martin, nato a Padova nel 1946 si è diplomato alla Scuola di Pittura e Scultura. Allievo di Antonio Strazzabosco è maestro d’arte in pittura, scultore ed affreschista. Restauratore dell’affresco, è stato allievo del prof. Mori. Predilige raffigurare nei suoi dipinti nature morte, fiori, paesaggi e figure con diversificate tecniche, tra cui olio, tecnica mista, gesso e marmo.

RASSEGNE D’ARTE

Mostre: 1987 Galleria La Cupola, PD; 1990 Galleria La Telaccia, TO;

2000 Galleria Prato della Valle, PD; 2002 Galleria Ribalta, PD;

2016 Winter Art, UD; 2018 Venezia Art Expo, VE;

International Art Exhibition, PA;

Critici: Lidia Maggiolo, Carla Russer, Edy Greco, Antonio Caggiano.

Onorificenze: 1° premio Trofeo Gaetano Genco, Premio Città di Vigonza,

Premio Padova Colore.

L’Arte di ingentilire l’immagine trova corrispondenza sia nella tecnica pittorica quanto in quella incisoria come all’esame delle opere di Martin Raffaele.

Gli aspetti determinanti della sua arte appaiono, infatti, improntati a questa maniera di rappresentare ed allora, fra colori, disegno, incastro, lastre e tecnica mista, nascono fiori o figure abilmente disegnati e anche nell’autentica oggettistica di un ovale nobiliare.

C’è in siffatta maniera di rappresentare la magia delle antiche radici della costruzione artistica che razionalizzata nel moderno stabilisce tensione e memoria. Una pittura che si coniuga nel tempo, collegandosi alla raffinatezza di un modo culturale romantico di significare.

Tecnica molto curata, sottigliezza ed eleganza del dettaglio, riproduzioni oggettivate: sono ulteriori aspetti determinanti dell’arte segnica e calcografica di Martin”.

Antonio Caggiano

BIOGRAPHY

Raffaele Martin, born in Padua in 1946, graduated at the School of Painting and Sculpture. Antonio Strazzabosco’s pupil is a master of art in painting, sculptor and fresco painter. Restorer of the fresco, he was a student of prof. Mori. He prefers to depict in his paintings still lifes, flowers, landscapes and figures with diversified techniques, including oil, mixed technique, plaster and marble.

ART REVIEWS

Exhibitions: 1987 Galleria La Cupola, PD; 1990 Gallery La Telaccia, TO;

2000 Prato della Valle Gallery, PD; 2002 Galleria Ribalta, PD;

2016 Winter Art, UD; 2018 Venice Art Expo, VE;

International Art Exhibition, PA;

Critics: Lidia Maggiolo, Carla Russer, Edy Greco, Antonio Caggiano.

Honors: 1st Prize Gaetano Genco Trophy, Città di Vigonza Award,

Padua Color Award.

The art of softening the image is matched both in the pictorial technique and in the engraving technique as if it were an examination of the works of Martin Raffaele.

The decisive aspects of his art appear, in fact, marked by this way of representing and then, between colors, design, interlocking, slabs and mixed technique, are born cleverly drawn flowers or figures and also in the authentic objects of a noble oval.

There is such a way to represent the magic of the ancient roots of artistic construction that rationalized in the modern establishes tension and memory. A painting that combines itself over time, connecting to the refinement of a romantic cultural way of signifying.

Very accurate technique, subtlety and elegance of the detail, objectified reproductions: these are further determining aspects of Martin’s sign and calcography art “.

Antonio Caggiano

Bondi Paolo

001

ARCHIVIO STORICO DELL’ARTE ITALIANA

Il maestro Paolo Bondi vive ed opera a Livorno

Cell. 393.1018789

e-mail: bondi.alice@libero.it

Attestato Archiviazione 2018 per sito

BIOGRAFIA

Paolo Bondi è nato a Livorno, dove vive e lavora. Formatosi da autodidatta, lavora il legno sia nel bassorilievo che nell’ intaglio e la creta, dando vita a sculture di vario genere. Oltre alla pittura e all’acquarello, realizza incisioni su vetro. Esegue anche lavori su commissioni nel sul studio a Livorno. Le sue opere d’arte riscuotono ampio successo di critica e pubblico.

 

 

 

 

Teresi Giovanni

001

ARCHIVIO STORICO DELL’ARTE ITALIANA

Il maestro Giovanni Teresi vive ed opera a Marsala -Trapani

Cell. 338.5293309

e-mail: teresi_giovanni@libero.it

Attestato Archiviazione 2018 per sito

BIOGRAFIA

Giovanni Teresi (Marsala, 1951) è docente di Economia aziendale e Discipline giuridiche ed Economiche in pensione. Ha pubblicato diversi testi di poesia e racconti in riviste nazionali e internazionali. Ha partecipato con proprie opere pittoriche a collettive di pittura nella città di Breno (BS) dal 1983 al 1986 ricevendo Diplomi di Merito e vari attestati. Al III Concorso nazionale “Pittori di Marina”- Augusta 15/05/2002, l’Ufficio Storico della Marina Militare gli ha conferito il Diploma di Pittore di Marina per la suo opera pittorica “Hovercraft”.

È  presente nella raccolta antologica La poesia è sogno a cura di Fulvio Castellani. Nel 2005 gli è stato conferito dall’Istituto Italiano di Cultura di Napoli il premio internazionale di Poesia e Letteratura Nuove lettere XVI Edizione per la lirica Pellegrini. Nel 2006 ha pubblicato, con il contributo dell’ICI, La grande tradition des Muses. Altri suoi libri di poesie in lingua francese sono: Rêve les yeux ouverts , L’univers de l’âme, L’île enchantée par le chant de la lune; testi lirici catalogati nelle principali Biblioteche Nazionali ed estere. Nel 2007 ha pubblicato con il contributo della casa Editrice Maremmi Editori (FI) Il mito e la poesia e per l’editore Bastogi il saggio storico Sui moti carbonari del 1820 -’21 in Italia – Eventi ed adepti poco noti del periodo. Dal 2011 è membro d’onore dell’Association Rencontres Européennes Europoésie con sede a Parigi e Presidente della Delegazione francofona in Sicilia: Marius Scalési. Ha collaborato con la Rivista Latinitas in Civitate Vaticana. Il 12 Aprile 2013, al 2° Certamen internazionale di Poesia Latina Scevola Mariotti, indetto dall’Università Pontificia Salesiana di Roma, ha vinto il primo premio con Magna Laude per le sue liriche religiose in lingua latina. È presidente del Punto Centrum Latinitatis Europae di Marsala, Associazione Culturale con sede ad Aquileia, per la quale organizza Seminari e Convegni di Letteratura greco-romana. Il 23 settembre 2017 ha vinto il Premio Internazionale “Letteratura, poesia, saggistica e narrativa” per la Sez. poesia inedita con la lirica “Il giocoliere”. Il 12 Novembre 2017, l’Accademia di Sicilia gli ha conferito il titolo e l’onorificenza di Accademico di Sicilia per la Letteratura. Il 23 luglio 2018 ha ottenuto il Premio Nazionale Liolà – Tributo a Luigi Pirandello, cerimonia di premiazione curata dall’Accademia di Sicilia (PA).

 

 

 

Rustici Nicoletta e Simoncelli Grazia di Cioccolato Creativo

001

ARCHIVIO STORICO DELL’ARTE ITALIANA

Le artiste Nicoletta Rustici e Grazia Simoncelli di Cioccolato Creativo vivono ed operano a Ravenna

Cell. Nicoletta 333.3173727

Cell. Grazia 348.7868321

e-mail: graziamareblus@virgilio.it

www.nicolettarustuci.it

Attestato Archiviazione 2018 per sito

BIOGRAFIA

Siamo pasticcere e cioccolatiere di professione , con la passione condivisa per l’arte, già viva in ognuna di noi nell’età della adolescenza dove la curiosità di sperimentare tecniche nuove di pittura su ogni tipo di materiale ci incuriosiva.

L’esperienza lavorativa e la nostra creatività , ci hanno portato ad utilizzare il cioccolato come materiale per le nostre opere. Cioccolato Creativo è un brand che abbiamo coniato e attraverso il quale creiamo le nostre opere di cioccolato. Una scelta assolutamente originale nel mondo dell’arte che ci ha portato ad essere apprezzate e seguite in Italia e Estero anche da personaggi importanti come il maestro Fernando Botero. Con lui abbiamo avuto il piacere di condividere le emozioni che abbiamo provato nel riprodurre una sua scultura. Con un lavoro totalmente manuale plasmiamo , spatoliamo e coloriamo il cioccolato, realizzando opere di ogni genere ,in una sorta di gioco fantastico. Oltre a riprodurre mosaici e quadri di pittori che amiamo , incanaliamo la nostra ispirazione in una corrente che abbiamo definito Occupazionismo , in pratica diventiamo protagoniste in quadri di pittori famosi ,come Picasso o lautrec, sostituendoci ai personaggi del quadro. Usando questo materiale atipico, antitradizionale enunciamo esplicitamente la volontà di rendere le nostre opere transitorie , considerando l’invecchiamento il degrado come segni caratteristici della nostra arte. Non fermarsi mai davanti alle convenzioni è il nostro modo di fare arte.

Viviamo a Marina Romea provincia di Ravenna ,dove creiamo le nostre opere, un paradiso immerso nella natura fra mare e parco del delta del Po

PERCORSO ARTISTICO

Gennaio 2014 esposizione di due sculture alla mostra di Fernando Botero , palazzo del Governatore Parma.

Febbraio 2014 esposizione di una scultura , riproduzione della ballerina vestita di Botero grandezza naturale nel Foyer del Teatro Verdi di Busseto (Parma) in occasione della prima de l’elisir d’amore di Donizzetti visto da Botero.

Settembre 2014, Nipponsai festa della cultura e della tradizione giapponese, dove oltre ai quadri abbiamo esposto riproduzioni fatte interamente di cioccolato, di pezzi antichi della cultura giapponese di ceramica raku .

Febbraio 2015 Art Expo Barcellona , Ada Art Gallery.

Maggio 2015 mostra contemporanea Incontro col desiderio , galleria Coronari 111 Roma.

Maggio 2015 Romart Biennale Internazionale di Arte e Cultura, Roma .

Luglio 2015 Collettiva di arte contemporanea Galleria Farini palazzo Fantuzzi Bologna.

Aprile 2016 trà Effimero ed Eternità mostra personale di quadri e mosaici di cioccolato ,Galleria Ariani Ravenna .

Settembre 2016 Esposizione di quadri e mosaici in cioccolato nella vetrina della cassa di risparmio Ravenna

Settembre 2017 mostra collettiva Eventi D’Arte galleria ART TIME Udine.

Anno 2017 Galleria Diaz Ravenna incontra l’arte mostra collettiva ogni terzo sabato del mese.

Roma dicembre 2017 Italian Chef Academy dove abbiamo realizzato il quadro più grande e il quadro più piccolo al mondo con lo stesso soggetto , utilizzando tecniche esclusivamente nostre. Siamo state accettate al guinness world records speriamo di conseguire presto la certificazione delle due opere esposte in mostra permanente a Roma.

Maggio2018 abbiamo esposto a D’E.M. Art Gallery mostra collettiva a premi Prize Art Exhibition.

 

 

 

Rinaudo Maurizio

001

Il maestro Maurizio Rinaudo vive ed opera a Pinerolo (TO)

Cell. 339.7434005

e-mail: info@mauriziorinaudo.it

www.mauriziorinaudo.it

BIOGRAFIA

Uomo di pittura e scultura, Esponente del “METAFORMISMO”, Creativo nel FIGURATIVISMO dell’ARTE SACRA, Delegato Regionale dell’Accademia A.I.A.M. di Roma e fondatore della Scuola  di pittura ad Osasco e Pinerolo. Attivo in campo artistico dagli anni 70.

Nel 1978 viene premiato dall’Unione Ind. Torino per un importante disegno, con brevetto depositato alla CCIAA di To. e poi a Bruxelles, Sede della Comunità Economica Europea.    Da quel momento inizia un percorso in costane ascesa che lo impegna in vari eventi nazionali, internazionali e premiazioni d’arte eloquenti.

Si interessano alle sue opere valenti critici d’arte ed entra negli spazi di  pubblicazione in riviste ufficiali; viene pertanto pubblicato nei cataloghi annuari e mensili Edizioni Bolaffi; nei Volumi di Arte Italiana nel Mondo; nei cataloghi e annuari Edizioni La Ginestra; nei cataloghi Edizioni Il Quadrato; nei mensili e volumi della Mondadori Editore. Grande risalto viene dato alla sua attività pittorica ed alle sue lucenti sculture in bronzo. Notevole risalto ai suoi lavori vengono dati, con ampio rilievo, nei cataloghi di Vittorio Sgarbi in ‘’SELEZIONI’’ e ‘’ITALIANI’’; ‘’Effetto Arte’’ e ‘’IMMAGINI’’  di Paolo Levi;  Nei volumi di ‘’IL METAFORMISMO’’ a cura di Giulia Sillato (Ed. Mondadori); Nei volumi ‘’L’ARTE e il TEMPO’’ – ‘’Città EXPO’’ (Ed. Mondadori), nonché  nel Catalogo d’Arte Moderna – CAM degli anni  1947, 48, 49, 50, 51 e 52; Nei cataloghi di Arte Moderna Edizioni Mazzotta ; Nei Cataloghi Edizioni il Sole 24ORE.

 

Donnarumma Marco

001

Il maestro Marco Donnarumma vive ed opera a Napoli

Cell. 338.3394716

e-mail: rummadonna@gmail.com

Attestato 2018 per sito

BIOGRAFIA

Marco Donnarumma opera attivamente nel campo artistico da  circa vent’ anni, realizzando numerose mostre personali e collettive in Italia ed all’estero con successo di critica e di pubblico. Le sue opere d’arte sono in sedi pubbliche e private.

MOSTRE PERSONALI

Madonne,guerrieri ,viaggi.Il mio Sacro”,Chiesa di San Girolamo delle Monache, Napoli-Centro Storico. Maggio 1998

..Ma chi lo ha detto che a Napoli si fanno solo pastori?

Terrecotte di fine millennio”,Complesso di Santa Maria la Nova ,Napoli Centro Storicoaggio1999

Mostra permanente presso la Galleria- Atellier M.D. a Napoli dal ’99 al 2000

MAGHREB, i colori dell’ Indaco”, Museo dell’Opera del Chiostro maiolicato di Santa Chiara, Napoli ,Centro storico 2000

MAGHREB ,I colori dell’Indaco”, Museo civico del Torrione ,Forio d’Ischia (Napoli)2000

Marco’s Artworks” Grand Hotel Miramare ,S.Angelo d’Ischia (Napoli)2001

Marco’s Artworks” Sant’Angelo d’Ischia,2001

Marco Donnarumma in Giappone”

Mostra di ceramiche e disegni presso la Tokorozawa City Gallery , Tokyo – Japan – 2003

Antologica : “Segni dal mondo fluttuante, sculture e disegni dagli ultimi vent’anni di Marco Donnarumma”

Villa Arbusto, Lacco Ameno, isola d’Ischia, (Napoli) 2012

RASSEGNE COLLETTIVE   

Arte tra la gente “ , Galleria Umberto 1° di Napoli 1999

Linee artistiche a confronto” Palazzo dei Congressi , Lugano -Svizzera 1999

Linee artistiche a confronto” Maschio Angioino, Napoli 2000

Prospettive” Torre di Michelangelo, Ischia Porto ,(Napoli) 2001

Collettiva “Premio Citta’ di Roma” a Palazzo Barberini ,Roma 2002

Collettiva a Benevento Galleria Comunale ,2001

Fiera dell’Arte di Padova “ARTE in FIERA” 2002

MADE BY ITALIANS – Le Dame London Galleries Londra (U.K.)

PREMI E RICONOSCIMENTI

Premio Arte Sacra “Giubileo 2000” per l’Opera “ MADONNA DEL BAMBINO”,Napoli ,Ass. Cult. Napoli Nostra e Comune di Napoli ,2000

Premio “Lo scugnizzo del Mediterraneo” Accademia Neapolis 2002

Premio Citta’ di Roma , Palazzo Barberini, Centro diffusione Arti figurative , Roma -2002

Menzione di merito artistico al Premio Remo Brindisi al Castello di Mesola , per le opere “ATLANTE” ed “ICARO” , FERRARA 2003

BIBLIOGRAFIA

Arte Moderna, Artisti Contemporanei dal secondo dopoguerra ad oggi” ed. Giorgio Mondadori , ed. 2000

Annuario d’Arte Moderna.Artisti Contemporanei” A.C.C.A. ..in Arte ed. 2000

Catalogo COMED ed.2000

Artisti Italiani del secondo novecento ,ed. Helicon (Ar) 2000

Arte e Pensiero” Agenda della Val Nerina , ed. Helicon 2000,2001

Antologia dei Poeti Italiani del secondo novecento” ed. Helicon (Ar) 2

 

D’Agostini Maurizio

file_0

Il maestro Maurizio D’Agostini vive ed opera a Costozzo (VI)

Cell. 328.4347699

e-mail: info@mauriziodagostini.com

BIOGRAFIA

Maurizio D’Agostini nasce a Vicenza il 03 Febbraio 1946. Scultore, incisore e pittore. Lavora nel suo atelier a Costozza di Longare (Vicenza). Conoscitore della figura umana che diventa fonte ispiratrice delle sue sculture, indaga nell’esistenza dell’essere umano lavorando sulla vibrante tensione dei corpi che modella giocando su volumi, spazi e richiami classici. Le opere seguono forme ideali che conquistano la critica dell’arte contemporanea, fanno parte di numerose collezioni, pubbliche e private italiane e straniere. Le opere monumentali sono esposte in luoghi pubblici e privati in Italia e all’estero. 

 

Sandrin Romeo

001

Il maestro Romeo Sandrin vive ed opera a Fratte di Santa Giustina in Colle (Padova)

Cell. 339.8532161

e-mail: romeosandrin@alice.it

BIOGRAFIA

Sandrin Romeo, apprezzato insegnante di arte, riconosciuto e valente scultore, vive e produce i suoi capolavori a Fratte di Santa Giustina in Colle (Padova). Da giovane, dimostrando grande interesse per le arti figurative, compie gli studi superiori a Padova ed affina le innate doti e il suo talento presso l’Accademia delle Belli Arti di Venezia, con la guida esperta e autorevole del maestro, prof. Alberto Viani.

Si diploma nel 1976, perfezionandosi in tutte le tecniche della scultura e specializzandosi nella modellazione, con una tecnica di derivazione classica, facendo tesoro dell’insegnamento e dei consigli di diversi artisti, di chiara fama nazionale e mondiale, quali Othmar Winkler e Pasquale Di Fabio.

Da 30 anni il laboratorio, annesso alla casa natia, è una fucina di idee, di progetti e di sculture, che ne fanno da degna cornice e testimoniano l’impegno e l’indefessa e molteplice attività dello scultore. Si è imposto all’attenzione della critica e del pubblico attraverso mostre e concorsi a livello nazionale.

Non si può certo esaurire in un elenco lungo, ma arido, tutta la produzione scultorea, che spazia dal sacro al profano; ci atteniamo solo ad alcuni e più significativi capolavori:

  • la crocifissione e il portale in bronzo a Napoli ed un alto rilievo, raffigurante la giornata mondiale della pace con Giovanni Paolo II e con i capi delle varie confessioni religiose mondiali, nella Basilica di Santa Maria degli Angeli ad Assisi (1986);

  • dal 2000 sei maestosi gruppi bronzei adornano il sentiero “ Antonio, Vangelo e Carità” nei Santuari Antoniani a Camposampiero (Padova);

  • tre portali in bronzo abbelliscono gli ingressi della chiesa madre di Floridia (Siracusa, 2004) e della chiesa parrocchiale di Santa Giustina in Colle (Padova, 1995);

  • numerosi altari e amboni sono disseminati nelle chiese della diocesi di Padova (Mestrino, Mejaniga di Cadoneghe, Fellette (VI), S. Anna di Piove di Sacco);

  • vari “monumenti ai caduti” in alcune piazze del padovano, tutti ispirati a motivi di pace e non a prosaici richiami di guerra, come tradizione vorrebbe;

  • un grandioso “ San Francesco”, in collaborazione con il maestro Franco Biasia, vigila sugli automobilisti all’imbocco dell’autostrada Vicenza – Piovene Rocchette, lungo la A4 PD-VI.

E che dire, poi, dei lavori bronzei che hanno varcato i confini nazionali ( San Francesco, in Portogallo; via Crucis, in El Salvador) e concludiamo con le statue, i bassorilievi ed altri lavori che fanno bella mostra di sè in palazzi, ville e case private di numerose località italiane e straniere.

Ultimamente ha realizzato il monumento ai caduti e Invalidi sul Lavoro a Campodarsego (PD), il monumento dei Carabinieri a Schio (VI) e il monumento all’Emigrante a Trissino (VI).

Invernizzi Giancarlo

001

Il maestro Giancarlo Invernizzi vive ed opera a Corneliano Bertario, frazione di Truccazzano (MI)

Cell. 338.3206066

e-mail: giancarlo_invernizzi@fastwebnet.it

BIOGRAFIA

Giancarlo Invernizzi nasce a Settala (Milano) il 19 marzo 1951 e risiede a Corneliano Bertario, frazione di Truccazzano (MI)
In questo piccolo borgo immerso nella quiete della campagna lombarda, nel suo studio (situato in un cortile adiacente la piazza del Castello) coltiva le sue passioni e crea le sue opere.

1983-1984-1985

Lavori in legno (scacchiere, pannelli, oggettistica) – Vignate (MI)

1987

Passaggio alla pittura – Vignate (MI)

1988

Biglietto d’auguri di Natale commissionato dalla FIBA/CISL Terr. di Milano

1989

Personale Naif”  –  Liscate (MI)

1990

“ESPOSIZIONE” a Gierès (Grenoble) – FRANCIA, organizzata dalla Pro Loco di Vignate (MI) nell’ambito del gemellaggio fra i due paesi.

Partecipazione alla XXIV Rassegna 1990/1991 del ” Gran Premio Nazionale delle Arti Naif’ Cesare Zavattini – Luzzara (RE) : opera esposta “Dolce ritmo di vita”

1991

Esposizione Collettiva organizzata dall’A.C.A.D.A. – Pozzuolo Martesana (MI)

Esposizione Collettiva organizzata dall’A.C.A.D.A. – Vignate (MI)

1992

Esposizione collettiva organizzata daIl’A.C.A.D.A. – Vignate (MI), avente come tema: “IL MONDO RURALE DELLA PADANIA”

“Personale naif” – Vignate (MI), avente come tema: “NAIF LOMBARDO”

1993

Mostra di pittura a Corneliano Bertario (MI)

1995

Organizzato dall’Accademia Medievale Cornelianese , dal Comune di Truccazzano sotto il Patrocinio della Regione Lombardia partecipa al l° Concorso di pittura estemporanea (open) avente come tema : “Corneliano, l’ambiente, il borgo e i cascinali”, vincitore del premio “Carla Oldani” quale 1° classificato con l’opera “IL CORTILE DELLA CONTESSA BORROMEO”  

1997

In occasione della festa Medievale nel castello “Borromeo” di Corneliano Bertario (MI) espone i “MATTONCINI DELLA FELICITA'”

2006

Sotto il Patrocinio degli Assessorati alla Cultura e all’Istruzione del Comune di Melzo (Ml), presenta a Palazzo Trivulzio la mostra :
“PRESENZE ASSENTI” : Omaggio al popolo Camuno e ai suoi petroglifi

2016 – presenta al Castello Borromeo di Corneliano Bertario, in occasione dei suoi 30 anni di attività artistica, la Mostra Antologica: INCURSIONI.

Pettina’ Giovanni Augusto

studio

ARCHIVIO STORICO DELL’ARTE ITALIANA

Il maestro Giovanni Augusto Pettinà vive ed opera a Isola Vicentina (VI)

Cell. 338.4270041

e-mail: petgen@libero.it

www.giovannipettina.com

Attestato Archiviazione 2018 per sito

BIOGRAFIA

Da bambino mi piaceva intagliare piccoli legni e ricavarne le testine di vari personaggi della storia; c’era l’indiano, il romano, il cinese, il Cristo, l’africano, che poi mettevo in fila a bella mostra nella vetrina della credenza di casa. Sono nato a Valdastico (VI) il 26 luglio 1955, risiedo e svolgo la mia attività artistica a Isola Vicentina (VI). Nel 1990 conseguo il diploma al Liceo Artistico “Umberto Boccioni” di Valdagno (VI) e quindi inizio a comporre i primi lavori. In realtà il mio primo approccio con l’arte risale alla prima giovinezza; un desiderio coltivato quasi segretamente per tanti anni, che le circostanze della vita mi avevano sempre impedito di realizzare. “Ancora una volta, scende il sonno e si ruba un altro giorno, con i suoi perchè senza risposta, le sue lacrime da asciugare, le sue gioie sofferte”.