Category Archives: Scultori

Scaramozzino Salvatore

001

ARCHIVIO STORICO DELL’ARTE ITALIANA

002

GLI AUTORI DELLA STORIA

Il maestro Salvatore Scaramozzino vive ed opera a Castano Primo – Milano

Cell. 0331.877036

e-mail: salvatorescaramozzino@virgilio.it

Attestato Archiviazione 2019 per sito

BIOGRAFIA

Salvatore Scaramozzino nato nel 1957 a Dinami, piccolo paese della provincia di Vibo Valentia, da umile famiglia di contadini, è un uomo semplice dotato di una notevole sensibilità.
Attualmente risiede a Castano Primo (MI). Insegna arte applicata e laboratorio di architettura di arredamento presso l’Istituto Statale d’Arte di Cantù.
Dopo aver conseguito il diploma presso l’Accademia delle Belle Arti di Roma nel 1980, specializzandosi in scenografia, inizia l’attività di artista presentando la prima personale nel suo paese nativo, nell’agosto del 1980.
Partecipa a diversi concorsi sia di pittura, sia di insegnamento.
Nel 1985 si trasferisce a Milano dove trova lavoro in diversi laboratori di scenotecnica tra cui Sormani, Arianese, dove acquisisce nuove tecniche pittoriche espressive.
Lavora per il teatro lirico, la prosa e la televisione.
Partecipa, inoltre, alla realizzazione di scenografie di cartoni animati per la ditta G.L.M. s.r.l. di Modena.
Nello stesso periodo ha l’incarico come insegnante presso l’Istituto d’Arte di Monza e Giussano.

Mostra collettiva di pittura presso la Galleria: “LABORART” Piedimulera (VB) dicembre 2014. Mostra Grand’Art International a VENEZIA GRAND’ART INTERNATIONAL dal 16 al 25 agosto

mostra personale presso la:

Galleria Artestudio Loreta Larkina Dorsoduro Venezia aprile 2019

Personale

Galleria Bonan
Studio D’Arte Due
di Venezia  –  30125 Venezia
S.Croce
Lista Vecchia dei Bari, 1168/A

Ha partecipato a diverse mostre di pittura:

Mostra collettiva di pittura presso la Galleria Suburra Roma  – via degli Zingheri  52 Roma  – Marzo 2011

EXPO OFFICINE ARTISTICHE 2010 Concorso Nazionale di Pittura , Fotografia e  Scultura

Mostra collettiva di pittura presso la galleria  Chie Art Gallery gennaio 2010 Milano
Mostra di pittura – Scenari e scenografie- Roma 2009
• Concorso premio “Open Art” – Roma, 2007;
• Concorso premio “Open Art” – Roma, 2008
• Concorso di Pittura 1ª edizione “On the road” – Gallarate, 2003;
• Collettiva di pittura “Galleria Solenghi ” – Como, 1992;
• Premio internazionale Novum Comum “Galleria Solenghi” (II premio per la tecnica mista) – Como, 1990;
• Mostra di pittura “Ritorno emigranti” (I premio) – Mongiana (V.V.), 1985;
• Settima rassegna di pittura (II premio) – Candidoni (R.C.), 1984;
• Collettiva di pittura “Corrado Alvaro” – Melicucco (R.C.), 1984;
• VI Rassegna di pittura contemporanea – Candidoni (R.C.), 1983;
• XXX Premio di pittura – Pizzo Calabro, 1983;
• Concorso grafico – figurativo esercito italiano “Generale Giuseppe Garibaldi”, 1982;
• Mostra personale – Dinami, agosto 1980.

Il suo stile pittorico è particolare: presenta aspetti figurativi plastici come elementi caratterizzanti, rappresentando cenni di ruderi di architetture storiche, soprattutto classiche.
L’artista considera il classico come la madre di tutte le arti. Ogni soggetto è racchiuso in una cornice scenografica resa, oltre che da elementi classici, da un simbolo caro all’artista: il cavallo.
Esso è simbolo di saggezza e di libertà; il suo continuo movimento in spazi sconfinati raffigura il perenne divenire, del reale e dell’opera d’arte medesima.
Concepire l’arte come non finita, significa poter intervenire in qualunque momento, e dare spazio, oltre alla tecnica, alla fantasia.
Il costante aggiungere rende la pittura non istantanea, come può essere la fotografia, ma in costante evoluzione; come dice l’artista: “La fotografia è una tecnica istantanea e nello stesso tempo si ferma; la pittura è sempre in movimento e va oltre il pensiero”.
L’arte è dunque un continuo movimento, non solo legata a un gesto, ma estensione di un pensiero, di un concetto o semplicemente di uno stato d’animo.
Tutto ciò è espresso nei materiali utilizzati (stracci, carta, legno, metallo, garza, etc.), utilizzati in maniera casuale in apparenza, modellati e colorati allo stesso tempo, che fondono insieme forme plastiche e cromatiche, componendo la notte, il sole, la luna, la natura, elementi presenti in tutti i suoi lavori.

BIOGRAPHY

Salvatore Scaramozzino born in 1957 in Dinami, a small town in the province of Vibo Valentia, from a humble peasant family, is a simple man with a remarkable sensitivity.
He currently resides in Castano Primo (MI). He teaches applied art and furnishing architecture laboratory at the State Institute of Art in Cantù.
After graduating from the Academy of Fine Arts in Rome in 1980, specializing in set design, he began working as an artist presenting his first solo show in his native country, in August 1980.
Participate in various competitions in both painting and teaching.
In 1985 he moved to Milan where he found work in various stagecraft laboratories including Sormani, Arianese, where he acquired new expressive painting techniques.
He works for the opera, prose and television.
He also participates in the production of cartoon scenes for the G.L.M. LTD of Modena.
At the same time he was appointed as a teacher at the Monza and Giussano Institute of Art.

Collective exhibition of paintings at the Gallery: “LABORART” Piedimulera (VB) December 2014. Grand’Art International exhibition in VENICE GRAND’ART INTERNATIONAL from 16 to 25 August

personal exhibition at:

Gallery Artestudio Loreta Larkina Dorsoduro Venice April 2019

staff

Galleria Bonan
Studio D’Arte Due
of Venice – 30125 Venice
Holy Cross
Old List of Bari, 1168 / A

He has participated in several painting exhibitions:

Collective painting exhibition at the Galleria Suburra Rome – via degli Zingheri 52 Rome – March 2011

ARTISTIC OFFICINE EXPO 2010 National Competition of Painting, Photography and Sculpture

Collective painting exhibition at the Chie Art Gallery gallery January 2010 Milan
Painting exhibition – Scenarios and scenographies – Rome 2009
• Open Art Award Competition – Rome, 2007;
• Open Art Award Competition – Rome, 2008
• Painting Competition 1st edition “On the road” – Gallarate, 2003;
• Collective exhibition “Galleria Solenghi” – Como, 1992;
• International Novum Comum Award “Galleria Solenghi” (II prize for mixed media) – Como, 1990;
• Painting exhibition “Return of emigrants” (1st prize) – Mongiana (V.V.), 1985;
• Seventh painting exhibition (II prize) – Candidoni (R.C.), 1984;
• Collective painting “Corrado Alvaro” – Melicucco (R.C.), 1984;
• VI Review of contemporary painting – Candidoni (R.C.), 1983;
• XXX Painting Prize – Pizzo Calabro, 1983;
• Graphic competition – figurative Italian army “General Giuseppe Garibaldi”, 1982;
• Personal exhibition – Dinami, August 1980.

His pictorial style is particular: he presents figurative plastic aspects as characterizing elements, representing hints of ruins of historical architecture, especially classical.
The artist considers the classic as the mother of all the arts. Each subject is enclosed in a scenographic frame made, in addition to classic elements, by a symbol dear to the artist: the horse.
It is a symbol of wisdom and freedom; his continuous movement in boundless spaces depicts the perennial becoming of the real and the work of art itself.
Conceiving art as unfinished means being able to intervene at any time, and giving space, in addition to technique, to imagination.
The constant add makes painting not instantaneous, as can photography, but in constant evolution; as the artist says: “Photography is an instantaneous technique and at the same time it stops; painting is always in motion and goes beyond thought “.
Art is therefore a continuous movement, not only linked to a gesture, but an extension of a thought, a concept or simply a state of mind.
All this is expressed in the materials used (rags, paper, wood, metal, gauze, etc.), used at random in appearance, modeled and colored at the same time, which fuse together plastic and chromatic forms, composing the night, the sun , the moon, nature, elements present in all his works.

 

 

Liggeri Michele

001

ARCHIVIO STORICO DELL’ARTE ITALIANA

002

GLI AUTORI DELLA STORIA

Il maestro Michele Liggeri (1932 – 1987) Catania – Milano

Per informazioni Anna Maria Liggeri cell. 389.9228150

e-mail: liggeriannamaria3@gmail.com

Attestato Archiviazione 2019 per sito

Michele Liggeri (1932 – 1987) Catania – Milano – Il paesaggio marino si veste di una raffinata, quanto, armoniosa dialettica tonale che pervade in un’atmosfera indefinita, tra i rosati smorzati e gli ocra sabbiosi, mentre un equilibrio intellettuale scandisce i ritmi della composizione nell’ariosità del cielo in un realismo magico e, quasi metafisico, uscendo dalla fenomenologia naturale per divenire lirica dimensione dello spirito per un nuovo linguaggio d’arte.

Carla d’Aquino Mineo

BIOGRAFIA

Michele Liggeri

Nato a Catania il 15 febbraio 1932, dove si spegnerà il 21 dicembre 1987. Pittore, scultore e Perito al tribunale di Milano per le opere artistiche.

Ha frequentato l’Istituto tecnico per Geometri Salesiani di Catania avendo ricevuto menzione speciale, in seguito si è diplomato al Liceo Artistico di Milano. Ha frequentato la scuola del Nudo di Roma è stato allievo di Messina ed Emilio Greco, ha frequentato la Scuola del Nudo di Roma, l’Accademia di Belle Arti di Milano Laureato in Pittura e Scultura. E’ stato direttore artistico del Club Unesco di Roma, e Gallerista a Milano, nella sua Galleria “Little Gallery” in Corso Italia dove hanno esposto i maggiori artisti degli anni Settanta.

Le sue opere sono state esposte in permanenza al Club del Collezionista di Milano e alla Grove School di New York.

In data 6 luglio 1977 riceve l’onorificenza dall’Accademia Tiberina in qualità i Accademico Associato. L’anno dopo, il 10 ottobre 1978 il Presidente della Repubblica Sandro Pertini lo nomina Cavaliere della Repubblica per meriti artistici.

Le sue principali esposizioni personali:

1950 Palazzo Camera di Commercio di Catania

1952 Mostra dei Profumi di Catania

1957 Mostra artisti italiani Grove School, New York

1959 Mostra alla saletta del Palazzo Telecomunicazioni, Roma

1960 Mostra Associazione Artistica Internazionale Via Margutta, Roma

1961 Mostra sulla Pittura contemporanea Palazzo Barberini, Roma

1961 Galleria Falzon, Teramo

1961 Mostra al Circolo Vigentino, Milano

1963 Mostra Centro Italiano Arti, Firenze.

1969 Mostra Circolo Filatelico Milano

1970 Permanente a Little Gallery, Milano

1971 Mostra Circolo Filatelico Milano

Ha partecipato a oltre cento esposizioni collettive fra le più importanti si citano

1950 Collettiva Palazzo Centro Artistico Via Margutta Roma,

1952 Collettiva Artisti per le Marche dove ha vinto il Premio Marche

1952 Collettiva Estate d’Arte di Palermo

1957 Salone Maschio Angioino Napoli1958 Galleria San Marco, Roma

1959 Lyceum Romano, Via Vittoria Colonna, Roma

1959 /1960 Palazzo Esposizioni nell’ambito della VIII Quadriennale Nazionale Roma

1959 Vince il Premio ANCI di Milano

1963 Salone Bosio di Montecarlo

1965 Modern Art Centre di Zurigo

1967 Settembre artistico Rassegna d’arte alla Rotonda Besana Artisti Contemporanei

1968 Centro Arte Verritrè Roma.

1973 Esposizione Artisti ASLA Palermo con Medaglia e menzione speciale.

Fra i numerosi premi si annoverano: il Primo Premio Vigentino Milano1961, nel 1969 il Primo Premio Comune Milano Assessorato al Turismo al miglior pittore siciliano a Milano, lo stesso anno riceve il Premio Associazione siciliana Lettere e Arti di Palermo.

Bibliografia

Volume III Comanducci Artisti Contemporanei,1964

Annuario Pittura Italiana 1964

Catalogo Illustrato Arte moderna 1970

Catalogo Pittori Contemporanei 1970 Mondadori

Il Quadrato Pittori Contemporanei anni dal 1970 al 1974.

BIOGRAPHY

Michele Liggeri

Born in Catania on February 15, 1932, where he died on December 21, 1987. Painter, sculptor and expert at the court of Milan for artistic works.

He attended the Technical Institute for Salesian Surveyors of Catania having received special mention, later he graduated from the Art School of Milan. He attended the school of the Nude in Rome and was a student of Messina and Emilio Greco, he attended the School of Nude in Rome, the Academy of Fine Arts in Milan. He graduated in Painting and Sculpture. He was artistic director of the Unesco Club of Rome, and Gallerist in Milan, in his Gallery “Little Gallery” in Corso Italia where they exhibited the greatest artists of the Seventies.

His works have been exhibited permanently at the Collector’s Club in Milan and at the Grove School in New York.

On 6 July 1977 he received the honor from the Accademia Tiberina as an Associate Academician. The following year, October 10, 1978, the President of the Republic Sandro Pertini nominated him Cavaliere della Repubblica for artistic merits.

His main personal exhibitions:

1950 Catania Chamber of Commerce Building

1952 Exhibition of Perfumes of Catania

1957 Shows Italian artists Grove School, New York

1959 Exhibition at the room of Palazzo Telecomunicazioni, Rome

1960 Exhibition of the International Art Association Via Margutta, Rome

1961 Exhibition on contemporary painting Palazzo Barberini, Rome

1961 Galleria Falzon, Teramo

1961 Exhibition at the Circolo Vigentino, Milan

1963 Mostra Centro Italiano Arti, Florence.

1969 Exhibition Circolo Filatelico Milan

1970 Permanent at Little Gallery, Milan

1971 Milan Philatelic Circle Exhibition

He has participated in over one hundred of the most important collective exhibitions mentioned

1950 Collective Building Art Center Via Margutta Rome,

1952 Collective Artists for the Marche where he won the Marche Award

1952 Summer Art Collective of Palermo

1957 Salone Maschio Angioino Napoli1958 Galleria San Marco, Rome

1959 Roman Lyceum, Via Vittoria Colonna, Rome

1959/1960 Palazzo Esposizioni during the 8th Rome National Quadrennial

1959 Wins the ANCI Prize of Milan

1963 Salone Bosio of Montecarlo

1965 Modern Art Center in Zurich

1967 Artistic September Review of Art at the Rotonda Besana Contemporary Artists

1968 Centro Arte Verritrè Rome.

1973 Exhibition of ASLA Palermo Artists with Medal and Special Mention.

Among the numerous prizes there are: the First Vigentino Milano1961 Prize, in 1969 the First Milan Common Prize Department for Tourism to the best Sicilian painter in Milan, the same year he received the Sicilian Arts and Letters Association Award in Palermo.

Bibliography

Volume III Comanducci Contemporary Artists, 1964

Italian Painting Yearbook 1964

Illustrated Catalog Modern Art 1970

Contemporary Painters Catalog 1970 Mondadori

The Square Contemporary Painters years from 1970 to 1974.

 

 

Martin Raffaele

001

ARCHIVIO STORICO DELL’ARTE ITALIANA

002

GLI AUTORI DELLA STORIA

Il maestro Raffaele Martin vive ed opera a Padova

Cell. 320.2989926

e-mail: raffaele.martin46@gmail.com

Attestato Archiviazione 2019 per sito

Raffaele Martin – Padova – Nella narrazione allusiva, quanto, onirica risalta un movimento rappresentativo che è insito nella pittura, mentre avanza in passo lieve una giovane donna in visione liberty come simbolo di armoniosa bellezza, delicatamente coperta da chiome fluenti ed immersa nella natura che sublima l’incanto del reale, stagliandosi dal supporto materico, tra tenue tonalità in magica fusione, in cui aleggia il sogno per un’inedita idea d’arte.

Carla d’Aquino Mineo

BIOGRAFIA

Raffaele Martin, nato a Padova nel 1946 si è diplomato alla Scuola di Pittura e Scultura. Allievo di Antonio Strazzabosco è maestro d’arte in pittura, scultore ed affreschista. Restauratore dell’affresco, è stato allievo del prof. Mori. Predilige raffigurare nei suoi dipinti nature morte, fiori, paesaggi e figure con diversificate tecniche, tra cui olio, tecnica mista, gesso e marmo.

RASSEGNE D’ARTE

Mostre: 1987 Galleria La Cupola, PD; 1990 Galleria La Telaccia, TO;

2000 Galleria Prato della Valle, PD; 2002 Galleria Ribalta, PD;

2016 Winter Art, UD; 2018 Venezia Art Expo, VE;

International Art Exhibition, PA;

Critici: Lidia Maggiolo, Carla Russer, Edy Greco, Antonio Caggiano.

Onorificenze: 1° premio Trofeo Gaetano Genco, Premio Città di Vigonza,

Premio Padova Colore.

L’Arte di ingentilire l’immagine trova corrispondenza sia nella tecnica pittorica quanto in quella incisoria come all’esame delle opere di Martin Raffaele.

Gli aspetti determinanti della sua arte appaiono, infatti, improntati a questa maniera di rappresentare ed allora, fra colori, disegno, incastro, lastre e tecnica mista, nascono fiori o figure abilmente disegnati e anche nell’autentica oggettistica di un ovale nobiliare.

C’è in siffatta maniera di rappresentare la magia delle antiche radici della costruzione artistica che razionalizzata nel moderno stabilisce tensione e memoria. Una pittura che si coniuga nel tempo, collegandosi alla raffinatezza di un modo culturale romantico di significare.

Tecnica molto curata, sottigliezza ed eleganza del dettaglio, riproduzioni oggettivate: sono ulteriori aspetti determinanti dell’arte segnica e calcografica di Martin”.

Antonio Caggiano

BIOGRAPHY

Raffaele Martin, born in Padua in 1946, graduated at the School of Painting and Sculpture. Antonio Strazzabosco’s pupil is a master of art in painting, sculptor and fresco painter. Restorer of the fresco, he was a student of prof. Mori. He prefers to depict in his paintings still lifes, flowers, landscapes and figures with diversified techniques, including oil, mixed technique, plaster and marble.

ART REVIEWS

Exhibitions: 1987 Galleria La Cupola, PD; 1990 Gallery La Telaccia, TO;

2000 Prato della Valle Gallery, PD; 2002 Galleria Ribalta, PD;

2016 Winter Art, UD; 2018 Venice Art Expo, VE;

International Art Exhibition, PA;

Critics: Lidia Maggiolo, Carla Russer, Edy Greco, Antonio Caggiano.

Honors: 1st Prize Gaetano Genco Trophy, Città di Vigonza Award,

Padua Color Award.

The art of softening the image is matched both in the pictorial technique and in the engraving technique as if it were an examination of the works of Martin Raffaele.

The decisive aspects of his art appear, in fact, marked by this way of representing and then, between colors, design, interlocking, slabs and mixed technique, are born cleverly drawn flowers or figures and also in the authentic objects of a noble oval.

There is such a way to represent the magic of the ancient roots of artistic construction that rationalized in the modern establishes tension and memory. A painting that combines itself over time, connecting to the refinement of a romantic cultural way of signifying.

Very accurate technique, subtlety and elegance of the detail, objectified reproductions: these are further determining aspects of Martin’s sign and calcography art “.

Antonio Caggiano

Bondi Paolo

001

ARCHIVIO STORICO DELL’ARTE ITALIANA

Il maestro Paolo Bondi vive ed opera a Livorno

Cell. 393.1018789

e-mail: bondi.alice@libero.it

Attestato Archiviazione 2018 per sito

BIOGRAFIA

Paolo Bondi è nato a Livorno, dove vive e lavora. Formatosi da autodidatta, lavora il legno sia nel bassorilievo che nell’ intaglio e la creta, dando vita a sculture di vario genere. Oltre alla pittura e all’acquarello, realizza incisioni su vetro. Esegue anche lavori su commissioni nel sul studio a Livorno. Le sue opere d’arte riscuotono ampio successo di critica e pubblico.

 

 

 

 

Teresi Giovanni

001

ARCHIVIO STORICO DELL’ARTE ITALIANA

Il maestro Giovanni Teresi vive ed opera a Marsala -Trapani

Cell. 338.5293309

e-mail: teresi_giovanni@libero.it

Attestato Archiviazione 2018 per sito

BIOGRAFIA

Giovanni Teresi (Marsala, 1951) è docente di Economia aziendale e Discipline giuridiche ed Economiche in pensione. Ha pubblicato diversi testi di poesia e racconti in riviste nazionali e internazionali. Ha partecipato con proprie opere pittoriche a collettive di pittura nella città di Breno (BS) dal 1983 al 1986 ricevendo Diplomi di Merito e vari attestati. Al III Concorso nazionale “Pittori di Marina”- Augusta 15/05/2002, l’Ufficio Storico della Marina Militare gli ha conferito il Diploma di Pittore di Marina per la suo opera pittorica “Hovercraft”.

È  presente nella raccolta antologica La poesia è sogno a cura di Fulvio Castellani. Nel 2005 gli è stato conferito dall’Istituto Italiano di Cultura di Napoli il premio internazionale di Poesia e Letteratura Nuove lettere XVI Edizione per la lirica Pellegrini. Nel 2006 ha pubblicato, con il contributo dell’ICI, La grande tradition des Muses. Altri suoi libri di poesie in lingua francese sono: Rêve les yeux ouverts , L’univers de l’âme, L’île enchantée par le chant de la lune; testi lirici catalogati nelle principali Biblioteche Nazionali ed estere. Nel 2007 ha pubblicato con il contributo della casa Editrice Maremmi Editori (FI) Il mito e la poesia e per l’editore Bastogi il saggio storico Sui moti carbonari del 1820 -’21 in Italia – Eventi ed adepti poco noti del periodo. Dal 2011 è membro d’onore dell’Association Rencontres Européennes Europoésie con sede a Parigi e Presidente della Delegazione francofona in Sicilia: Marius Scalési. Ha collaborato con la Rivista Latinitas in Civitate Vaticana. Il 12 Aprile 2013, al 2° Certamen internazionale di Poesia Latina Scevola Mariotti, indetto dall’Università Pontificia Salesiana di Roma, ha vinto il primo premio con Magna Laude per le sue liriche religiose in lingua latina. È presidente del Punto Centrum Latinitatis Europae di Marsala, Associazione Culturale con sede ad Aquileia, per la quale organizza Seminari e Convegni di Letteratura greco-romana. Il 23 settembre 2017 ha vinto il Premio Internazionale “Letteratura, poesia, saggistica e narrativa” per la Sez. poesia inedita con la lirica “Il giocoliere”. Il 12 Novembre 2017, l’Accademia di Sicilia gli ha conferito il titolo e l’onorificenza di Accademico di Sicilia per la Letteratura. Il 23 luglio 2018 ha ottenuto il Premio Nazionale Liolà – Tributo a Luigi Pirandello, cerimonia di premiazione curata dall’Accademia di Sicilia (PA).

 

 

 

Rustici Nicoletta e Simoncelli Grazia di Cioccolato Creativo

001

ARCHIVIO STORICO DELL’ARTE ITALIANA

Le artiste Nicoletta Rustici e Grazia Simoncelli di Cioccolato Creativo vivono ed operano a Ravenna

Cell. Nicoletta 333.3173727

Cell. Grazia 348.7868321

e-mail: graziamareblus@virgilio.it

www.nicolettarustuci.it

Attestato Archiviazione 2018 per sito

BIOGRAFIA

Siamo pasticcere e cioccolatiere di professione , con la passione condivisa per l’arte, già viva in ognuna di noi nell’età della adolescenza dove la curiosità di sperimentare tecniche nuove di pittura su ogni tipo di materiale ci incuriosiva.

L’esperienza lavorativa e la nostra creatività , ci hanno portato ad utilizzare il cioccolato come materiale per le nostre opere. Cioccolato Creativo è un brand che abbiamo coniato e attraverso il quale creiamo le nostre opere di cioccolato. Una scelta assolutamente originale nel mondo dell’arte che ci ha portato ad essere apprezzate e seguite in Italia e Estero anche da personaggi importanti come il maestro Fernando Botero. Con lui abbiamo avuto il piacere di condividere le emozioni che abbiamo provato nel riprodurre una sua scultura. Con un lavoro totalmente manuale plasmiamo , spatoliamo e coloriamo il cioccolato, realizzando opere di ogni genere ,in una sorta di gioco fantastico. Oltre a riprodurre mosaici e quadri di pittori che amiamo , incanaliamo la nostra ispirazione in una corrente che abbiamo definito Occupazionismo , in pratica diventiamo protagoniste in quadri di pittori famosi ,come Picasso o lautrec, sostituendoci ai personaggi del quadro. Usando questo materiale atipico, antitradizionale enunciamo esplicitamente la volontà di rendere le nostre opere transitorie , considerando l’invecchiamento il degrado come segni caratteristici della nostra arte. Non fermarsi mai davanti alle convenzioni è il nostro modo di fare arte.

Viviamo a Marina Romea provincia di Ravenna ,dove creiamo le nostre opere, un paradiso immerso nella natura fra mare e parco del delta del Po

PERCORSO ARTISTICO

Gennaio 2014 esposizione di due sculture alla mostra di Fernando Botero , palazzo del Governatore Parma.

Febbraio 2014 esposizione di una scultura , riproduzione della ballerina vestita di Botero grandezza naturale nel Foyer del Teatro Verdi di Busseto (Parma) in occasione della prima de l’elisir d’amore di Donizzetti visto da Botero.

Settembre 2014, Nipponsai festa della cultura e della tradizione giapponese, dove oltre ai quadri abbiamo esposto riproduzioni fatte interamente di cioccolato, di pezzi antichi della cultura giapponese di ceramica raku .

Febbraio 2015 Art Expo Barcellona , Ada Art Gallery.

Maggio 2015 mostra contemporanea Incontro col desiderio , galleria Coronari 111 Roma.

Maggio 2015 Romart Biennale Internazionale di Arte e Cultura, Roma .

Luglio 2015 Collettiva di arte contemporanea Galleria Farini palazzo Fantuzzi Bologna.

Aprile 2016 trà Effimero ed Eternità mostra personale di quadri e mosaici di cioccolato ,Galleria Ariani Ravenna .

Settembre 2016 Esposizione di quadri e mosaici in cioccolato nella vetrina della cassa di risparmio Ravenna

Settembre 2017 mostra collettiva Eventi D’Arte galleria ART TIME Udine.

Anno 2017 Galleria Diaz Ravenna incontra l’arte mostra collettiva ogni terzo sabato del mese.

Roma dicembre 2017 Italian Chef Academy dove abbiamo realizzato il quadro più grande e il quadro più piccolo al mondo con lo stesso soggetto , utilizzando tecniche esclusivamente nostre. Siamo state accettate al guinness world records speriamo di conseguire presto la certificazione delle due opere esposte in mostra permanente a Roma.

Maggio2018 abbiamo esposto a D’E.M. Art Gallery mostra collettiva a premi Prize Art Exhibition.

 

 

 

Rinaudo Maurizio

001

Il maestro Maurizio Rinaudo vive ed opera a Pinerolo (TO)

Cell. 339.7434005

e-mail: info@mauriziorinaudo.it

www.mauriziorinaudo.it

BIOGRAFIA

Uomo di pittura e scultura, Esponente del “METAFORMISMO”, Creativo nel FIGURATIVISMO dell’ARTE SACRA, Delegato Regionale dell’Accademia A.I.A.M. di Roma e fondatore della Scuola  di pittura ad Osasco e Pinerolo. Attivo in campo artistico dagli anni 70.

Nel 1978 viene premiato dall’Unione Ind. Torino per un importante disegno, con brevetto depositato alla CCIAA di To. e poi a Bruxelles, Sede della Comunità Economica Europea.    Da quel momento inizia un percorso in costane ascesa che lo impegna in vari eventi nazionali, internazionali e premiazioni d’arte eloquenti.

Si interessano alle sue opere valenti critici d’arte ed entra negli spazi di  pubblicazione in riviste ufficiali; viene pertanto pubblicato nei cataloghi annuari e mensili Edizioni Bolaffi; nei Volumi di Arte Italiana nel Mondo; nei cataloghi e annuari Edizioni La Ginestra; nei cataloghi Edizioni Il Quadrato; nei mensili e volumi della Mondadori Editore. Grande risalto viene dato alla sua attività pittorica ed alle sue lucenti sculture in bronzo. Notevole risalto ai suoi lavori vengono dati, con ampio rilievo, nei cataloghi di Vittorio Sgarbi in ‘’SELEZIONI’’ e ‘’ITALIANI’’; ‘’Effetto Arte’’ e ‘’IMMAGINI’’  di Paolo Levi;  Nei volumi di ‘’IL METAFORMISMO’’ a cura di Giulia Sillato (Ed. Mondadori); Nei volumi ‘’L’ARTE e il TEMPO’’ – ‘’Città EXPO’’ (Ed. Mondadori), nonché  nel Catalogo d’Arte Moderna – CAM degli anni  1947, 48, 49, 50, 51 e 52; Nei cataloghi di Arte Moderna Edizioni Mazzotta ; Nei Cataloghi Edizioni il Sole 24ORE.

 

Donnarumma Marco

001

Il maestro Marco Donnarumma vive ed opera a Napoli

Cell. 338.3394716

e-mail: rummadonna@gmail.com

Attestato 2018 per sito

BIOGRAFIA

Marco Donnarumma opera attivamente nel campo artistico da  circa vent’ anni, realizzando numerose mostre personali e collettive in Italia ed all’estero con successo di critica e di pubblico. Le sue opere d’arte sono in sedi pubbliche e private.

MOSTRE PERSONALI

Madonne,guerrieri ,viaggi.Il mio Sacro”,Chiesa di San Girolamo delle Monache, Napoli-Centro Storico. Maggio 1998

..Ma chi lo ha detto che a Napoli si fanno solo pastori?

Terrecotte di fine millennio”,Complesso di Santa Maria la Nova ,Napoli Centro Storicoaggio1999

Mostra permanente presso la Galleria- Atellier M.D. a Napoli dal ’99 al 2000

MAGHREB, i colori dell’ Indaco”, Museo dell’Opera del Chiostro maiolicato di Santa Chiara, Napoli ,Centro storico 2000

MAGHREB ,I colori dell’Indaco”, Museo civico del Torrione ,Forio d’Ischia (Napoli)2000

Marco’s Artworks” Grand Hotel Miramare ,S.Angelo d’Ischia (Napoli)2001

Marco’s Artworks” Sant’Angelo d’Ischia,2001

Marco Donnarumma in Giappone”

Mostra di ceramiche e disegni presso la Tokorozawa City Gallery , Tokyo – Japan – 2003

Antologica : “Segni dal mondo fluttuante, sculture e disegni dagli ultimi vent’anni di Marco Donnarumma”

Villa Arbusto, Lacco Ameno, isola d’Ischia, (Napoli) 2012

RASSEGNE COLLETTIVE   

Arte tra la gente “ , Galleria Umberto 1° di Napoli 1999

Linee artistiche a confronto” Palazzo dei Congressi , Lugano -Svizzera 1999

Linee artistiche a confronto” Maschio Angioino, Napoli 2000

Prospettive” Torre di Michelangelo, Ischia Porto ,(Napoli) 2001

Collettiva “Premio Citta’ di Roma” a Palazzo Barberini ,Roma 2002

Collettiva a Benevento Galleria Comunale ,2001

Fiera dell’Arte di Padova “ARTE in FIERA” 2002

MADE BY ITALIANS – Le Dame London Galleries Londra (U.K.)

PREMI E RICONOSCIMENTI

Premio Arte Sacra “Giubileo 2000” per l’Opera “ MADONNA DEL BAMBINO”,Napoli ,Ass. Cult. Napoli Nostra e Comune di Napoli ,2000

Premio “Lo scugnizzo del Mediterraneo” Accademia Neapolis 2002

Premio Citta’ di Roma , Palazzo Barberini, Centro diffusione Arti figurative , Roma -2002

Menzione di merito artistico al Premio Remo Brindisi al Castello di Mesola , per le opere “ATLANTE” ed “ICARO” , FERRARA 2003

BIBLIOGRAFIA

Arte Moderna, Artisti Contemporanei dal secondo dopoguerra ad oggi” ed. Giorgio Mondadori , ed. 2000

Annuario d’Arte Moderna.Artisti Contemporanei” A.C.C.A. ..in Arte ed. 2000

Catalogo COMED ed.2000

Artisti Italiani del secondo novecento ,ed. Helicon (Ar) 2000

Arte e Pensiero” Agenda della Val Nerina , ed. Helicon 2000,2001

Antologia dei Poeti Italiani del secondo novecento” ed. Helicon (Ar) 2

 

D’Agostini Maurizio

file_0

Il maestro Maurizio D’Agostini vive ed opera a Costozzo (VI)

Cell. 328.4347699

e-mail: info@mauriziodagostini.com

BIOGRAFIA

Maurizio D’Agostini nasce a Vicenza il 03 Febbraio 1946. Scultore, incisore e pittore. Lavora nel suo atelier a Costozza di Longare (Vicenza). Conoscitore della figura umana che diventa fonte ispiratrice delle sue sculture, indaga nell’esistenza dell’essere umano lavorando sulla vibrante tensione dei corpi che modella giocando su volumi, spazi e richiami classici. Le opere seguono forme ideali che conquistano la critica dell’arte contemporanea, fanno parte di numerose collezioni, pubbliche e private italiane e straniere. Le opere monumentali sono esposte in luoghi pubblici e privati in Italia e all’estero. 

 

Sandrin Romeo

001

Il maestro Romeo Sandrin vive ed opera a Fratte di Santa Giustina in Colle (Padova)

Cell. 339.8532161

e-mail: romeosandrin@alice.it

BIOGRAFIA

Sandrin Romeo, apprezzato insegnante di arte, riconosciuto e valente scultore, vive e produce i suoi capolavori a Fratte di Santa Giustina in Colle (Padova). Da giovane, dimostrando grande interesse per le arti figurative, compie gli studi superiori a Padova ed affina le innate doti e il suo talento presso l’Accademia delle Belli Arti di Venezia, con la guida esperta e autorevole del maestro, prof. Alberto Viani.

Si diploma nel 1976, perfezionandosi in tutte le tecniche della scultura e specializzandosi nella modellazione, con una tecnica di derivazione classica, facendo tesoro dell’insegnamento e dei consigli di diversi artisti, di chiara fama nazionale e mondiale, quali Othmar Winkler e Pasquale Di Fabio.

Da 30 anni il laboratorio, annesso alla casa natia, è una fucina di idee, di progetti e di sculture, che ne fanno da degna cornice e testimoniano l’impegno e l’indefessa e molteplice attività dello scultore. Si è imposto all’attenzione della critica e del pubblico attraverso mostre e concorsi a livello nazionale.

Non si può certo esaurire in un elenco lungo, ma arido, tutta la produzione scultorea, che spazia dal sacro al profano; ci atteniamo solo ad alcuni e più significativi capolavori:

  • la crocifissione e il portale in bronzo a Napoli ed un alto rilievo, raffigurante la giornata mondiale della pace con Giovanni Paolo II e con i capi delle varie confessioni religiose mondiali, nella Basilica di Santa Maria degli Angeli ad Assisi (1986);

  • dal 2000 sei maestosi gruppi bronzei adornano il sentiero “ Antonio, Vangelo e Carità” nei Santuari Antoniani a Camposampiero (Padova);

  • tre portali in bronzo abbelliscono gli ingressi della chiesa madre di Floridia (Siracusa, 2004) e della chiesa parrocchiale di Santa Giustina in Colle (Padova, 1995);

  • numerosi altari e amboni sono disseminati nelle chiese della diocesi di Padova (Mestrino, Mejaniga di Cadoneghe, Fellette (VI), S. Anna di Piove di Sacco);

  • vari “monumenti ai caduti” in alcune piazze del padovano, tutti ispirati a motivi di pace e non a prosaici richiami di guerra, come tradizione vorrebbe;

  • un grandioso “ San Francesco”, in collaborazione con il maestro Franco Biasia, vigila sugli automobilisti all’imbocco dell’autostrada Vicenza – Piovene Rocchette, lungo la A4 PD-VI.

E che dire, poi, dei lavori bronzei che hanno varcato i confini nazionali ( San Francesco, in Portogallo; via Crucis, in El Salvador) e concludiamo con le statue, i bassorilievi ed altri lavori che fanno bella mostra di sè in palazzi, ville e case private di numerose località italiane e straniere.

Ultimamente ha realizzato il monumento ai caduti e Invalidi sul Lavoro a Campodarsego (PD), il monumento dei Carabinieri a Schio (VI) e il monumento all’Emigrante a Trissino (VI).