Melpignano Francesco

001

ARCHIVIO STORICO DELL’ARTE ITALIANA

Il maestro Francesco Melpignano vive ed opera a Trento

Cell. 335.7908207

e-mail: nanomelpig@gmail.com

www.francesco-melpignano.it

Attestato Archiviazione 2018 per sito

BIOGRAFIA

Francesco Melpignano,

sono pugliese di nascita e trentino per amore. Mi chiamo fuori dalle correnti e non mi sento inquadrato in stereotipi di pensiero o in definizioni concettuali.

Amo creare il bello con pazienza, passione, e tanto lavoro.

Nel mio lungo percorso artistico ho imparato da autodidatta, come un garzone di bottega la tecnica del disegno e della pittura eseguendo con successo per anni copie dagli antichi maestri. Continua oggi la mia ricerca, a ritroso nel tempo, tornando al disegno per approfondirne con gioiosa cura la tecnica e riscoprendo e valorizzando le mie radici con la curiosità e lo spirito del bambino che fa e ama quello che fa in quanto semplicemente lo rappresenta.

La fotografia è per me un mezzo, un punto di partenza, che crea la prima emozione. Poi il racconto scorre nel tratto con accentuato realismo ed estrema cura del dettaglio esplorando il soggetto e seguendone le linee e la trama, a volte modificando il particolare per estrarre l’essenza. Immagino e racconto, con precisi tratti di matita, china e olio, frammenti di storie, attimi, istantanee di vita trascendenti la realtà temporale. I miei strumenti di lavoro sono carichi, ora di luce ora di ombra nella ricerca dell’intricata, complessa, natura della realtà stessa con contrasti potenti e accentuati, con particolari meticolosamente dettagliati. Cerco di creare l’illusione di un “vero” che stupisce per portare l’occhio dell’osservatore a guardare, fermandosi un momento, come in uno specchio, il dettaglio quotidiano al fine di svelarne, in particolari spesso non visti o non percepiti interamente, l’anima nascosta.

Tratto dopo tratto dalla linea emerge un volto, un albero, una roccia, un paesaggio, con le sue caratteristiche, il suo fascino, la sua forza. Attimi di vita o descrizione di un oggetto per fermarne l’emozione e svelarne la bellezza profonda.

Un lavoro infinito, c’è sempre un’ombra da aggiungere, una sfumatura da cogliere…