Aloisio Onofrio

001

ARCHIVIO STORICO DELL’ARTE ITALIANA

002

GLI AUTORI DELLA STORIA

Il maestro Onofrio Aloisio vive ed opera a Palagiano – Taranto

Cell. 366.6587127

e-mail: onofrio.aloisio@gmail.com

Attestato Archiviazione opere d'arte 2021

BIOGRAFIA

Nato a Palagiano (Ta) nel 1953

ha sempre mostrato interesse e passione verso l’arte, formatosi da autodidatta, usa legno, tufo, pietra leccese e la creta dando vita a forme di vario genere.
– Nell’eseguire le sue opere, nel corso degli anni ha avuto esigenza di disegnare e approfondire lo studio, di proporzioni, colori e conoscenza/ricerca di materiali che gli permettesse di trasformare artisticamente la sua voglia di manipolare
(il f a r e ).
Usa tronchi e radici creando un mondo fantastico fatto di facce animali e altro.
– Prima mostra personale di scultura, organizzata dal Circolo Svegliarci il 17 e 18 maggio 2003, la MOSTRA di SCULTURA a Palagiano;
– Tiene un corso di scultura di 20 ore tenutasi presso la scuola elementare di Palagiano dal 24 agosto 2003 organizzata dal Circolo Arci di Palagiano;
– Partecipa alla 38 Rassegna Internazionale di Pittura Città Mottola “Artisti a confronto” dal 24 dicembre 2003 al 05 gennaio 2004;
– Partecipa alla 1° mostra artisti in Arsenale Marina Militare di Taranto e al Castello Aragonese di Taranto 9 dicembre 2003;
– Invia alcune opere a URBINO “LE VIE DEL PRESEPE” dal 13 dicembre 2003 al 11 gennaio 2004.
Dopo questo periodo non partecipa ad altre mostre, continuando a lavorare e a creare altre opere.
Le ultime creazioni sono state i paesaggi realizzati con legnetti, materiale trovati in spiaggia.
Gli scarti, i rifiuti non sono tali ma possono diventare delle opere d’ arti, il mare la natura crea e leviga, basta poco per la creatività.
In natura non c’è scarto ma diversità di utilizzo.

BIOGRAPHY

Born in Palagiano (Ta) in 1953

he has always shown interest and passion for art, trained as a self-taught man, he uses wood, tuff, Lecce stone and clay, giving life to forms of various kinds.
– In carrying out his works, over the years he had the need to design and deepen the study of proportions, colors and knowledge / research of materials that would allow him to artistically transform his desire to manipulate
(the do ).
He uses trunks and roots to create a fantasy world of animal faces and more.
– First personal sculpture exhibition, organized by Circolo Svegliarci on 17 and 18 May 2003, the SCULPTURE EXHIBITION in Palagiano;
-He holds a 20-hour sculpture course held at the primary school of Palagiano since 24 August 2003 organized by the Circolo Arci di Palagiano;
– Participates in the 38th International Review of Painting Città Mottola “Artists in comparison” from 24 December 2003 to 05 January 2004;
– Participates in the 1st artists exhibition in the Arsenale Marina Militare of Taranto and at the Aragonese Castle of Taranto on December 9, 2003;
– Send some works to URBINO “LE VIE DEL PRESEPE” from 13 December 2003 to 11 January 2004.
After this period he does not participate in other exhibitions, continuing to work and create other works.
His latest creations were landscapes made with sticks, material found on the beach.
Scraps, waste are not such but can become works of art, the sea creates and smoothes nature, it doesn’t take much for creativity.
In nature there is no waste but diversity of use.