ARTE DI ROSA MININNI

001

002

001

Rosa Mininni – Vallecrosia – Imperia

BIOGRAFIA

Rosa Mininni  vive e lavora a Vallecrosia in provincia di Imperia , ha conseguito la Laurea in Filosofia presso l’Università degli Studi di Verona . Da sempre amante delle discipline artistiche, nominata Accademica al Centro Accademico Maison d’ Art di Padova. Nel corso della sua carriera ha ottenuto numerosi riconoscimenti e pubblicazioni inserita fra gli autori della Storia dell’Arte Italiana all’interno dell’Archivio Storico Universale delle Belle Arti.

Artisticamente Rosa Mininni si è espressa attraverso la pittura sperimentando materia e materiali. L’Arte di Rosa ci parla di un percorso “ Simbolico – Emozionale “ un percorso iniziato come  viaggio spirituale , un dipingere dal misurato simbolismo, la materia si confonde con l’infinito e il fruitore si perde in questo spazio che annulla ciò che di materiale lo lega alla dimensione terrena. Rosa affida all’estro, alla creatività tutta la ricchezza delle sue raffigurazioni pittoriche. Intuizioni e capacità creative che si aprono al grande mistero della realtà, dove la profondità dei mari, la terra, i boschi e l’atmosfera stanno a significare un senso di rinnovamento interiore, una pittura da usare per la ricerca di se, la tela come una  porta sul proprio orizzonte interiore . Un percorso di autocoscienza intrapreso sin da ragazza. Numerose sono le manifestazioni artistiche a cui Rosa partecipa. I suoi lavori sono presentati nel mercato italiano ed estero  e occupano posti di pregio in molteplici collezioni private.

001

002

003

004

005

006

007

008

017

Certificato di quotazione c

POETICA NELL’ASSOLUTEZZA METAFISICA a cura dello Storico e critico d’arte Carla d’Aquino Mineo

C’è un’unità che armonizza gli splendidi dipinti dell’artista Rosa Mininni: la spiritualità. E’ una spiritualità di stampo neo-quattrocentesca e simbolico-espressionista in un’aura di aurorale purezza. Mininni ama le atmosfere rarefatte ed i colori intensi che si stemperano negli aloni di una luminosità trascendentale, mentre le forme si stagliano con icastica nitidezza. Ecco perché, tutta la pittura della Mininni ha una forte connotazione interiore e ci si sente trasportati in un’altra dimensione che non può prescindere dallo stato d’animo di chi la guarda. I paesaggi in particolare, seguono ritmi rarefatti nei chiarori soffusi, dove il quoziente simbolico è evidentissimo, mentre l’albero solitario primeggia in una spazialità che sfuma verso l’infinito. Tutto porta ad un clima di metafisica assolutezza, dove il lievito spirituale ci richiama a qualcosa che è al di là: non si ferma all’evidenza del reale nella pura fisicità, ma soavemente ci conduce con afflato poetico nella totale armonia universale per un nuovo linguaggio d’arte nella storia dell’arte italiana.

Testo critico Archivio Storico dell'Arte Italiana