ARTE DI DEBORA FERRUZZI

001

002

ARTE DI DEBORA FERRUZZI a cura del critico letterario e di arti visive Carla d’Aquino Mineo

001

Debora Ferruzzi – Firenze

BIOGRAFIA

Debora Ferruzzi Caruso
È nata a Firenze il 04/10/1968, si è laureata in fisica nel 1996 in tecnologie astronomiche.
Acquerellista per passione, dopo aver studiato disegno alle scuole superiori si è dedicata
all’acquerello per quasi venti anni seguendo i corsi tenuti dal pittore Luciano Piseri e studiando su
testi internazionali.

https://www.maisondartpadova.com/ferruzzi-debora/

Mostre più rappresentative (anni 2018-2020)
– collettive organizzate dall’Associazione Mazzon Bagno a Ripoli (FI), anni 2018, 2019
— Flyer Art Gallery Roma maggio 2019
— Budapest ARTEXPò Biennale d’Arte Italiana Galleria Pintér (Markó Utca 3/b) dal 22 al 27 novembre
2019
— Biennale Nazionale Città di Pulsano 23 nov-1 dic 2019, Precis Arte, Castello de Falconibus Pulsano
— Tirana International Watercolor Biennale 20-30 September 2019-National Historical Museum
Tirana-Albania, International Watercoulor Society IWS Albania,
— Kosovo Watercolour Biennial 2, 18th Nov 2019. National Museum of Kosova, International
Watercoulor Society per IWS
— 1stOLYMPIART 8-11th Dec 2019, Indira Ghandi National Centre of Arts (IGNCA), New Delhi,
International Watercoulor Society per IWS INDIA
— Art Shopping for Christmas 2019, 17-19 dicembre 2019 presso lo spazio della Galleria “Art Gallery
Rome”
— Percorsi d’individuazion, 18 gennaio -4 febbraio 2020, Galleria d’Arte Mentana di Firenze
— Premio Lupa Capitolina 2020, dal 7 al 13 febbraio 2020, galleria Medina Roma, organizzato dalla
Rosa dei Venti e patrocinato dalla START
— Carnevale a Gadarte, 15 febbraio al 5 marzo 2020, Associazione Culturale GADARTE di Firenze.
— sa marzo 2020 espone in mostra permanente un’opera al MACO museum a Veroli
Nominativi di critici e storici dell’arte che si sono occupati dei suoi acquerelli
Carla D’Aquino Mineo, Flavio De Gregorio, Arpinè Sevagian, Sandro Serradifalco, Leonarda Zappulla,
Lucia La Sorsa, Oxana Albot, Mariarosaria Belgiovine, Laura Andreani, Antonio Castellana, Niccolò
Giacomazzi, Ivan Caccavale, Margherita Oggiana e Sonia Salsi.
Partecipazioni a premi 2019-2020
Trofeo maestri d’Italia – ART NOW (2019)
Premio Cultura Identità- ART NOW (2019)
Budapest ARTEEXPO, Biennale Italiana, ART NOW (2019)
1° Gran Premio di Montecarlo Oscar della Creatività Artexpo Gallery (2019)
Diploma di merito, Biennale Città di Pulsano, Precis Arte (2019)
Premio della Lupa VII Edizione, La Rosa dei Venti (2020)

Premio internazionale città di New York– ART NOW (2020)
Gran Premio Unità d’Italia 2020 della New Accademia Internazionale dei Dioscuri, verso i 160 anni
(2020)
Gallerie di riferimento di supporto
Maison d’Art di Padova
Galleria Mentana di Firenze
Cellulare 3282793153 email: watercolor@deboraferruzzicaruso.com

PITTURA NELL’INCANTO DI LUCE

Una tavolozza dai tenui contrasti cromatici distingue il linguaggio pittorico dell’artista Debora Ferruzzi, mentre le lievi pennellate impressioniste inseguono un segno immaginario e dinamico che rivela un’intensa carica emozionale con una pulsione sentimentale nell’interpretazione lirica del reale. Ariose marine e paesaggi campestri con antichi borghi, nature morte e delicati motivi floreali prendono vita nell’incanto di luce, dove la trasparenza della carta nella sua porosità imbianca i soggetti raffigurati con una luminosità spirituale che affiora nel tocco fresco e spontaneo dei colori luminosi dissolti nell’acqua. Ecco che allora, gli sfuggenti flussi di colore ricreano emozioni interiori nella traccia di un ricordo, nella memoria di un’atmosfera e nel fascino di un sogno, sublimando l’arte che vive nella natura, attraverso l’elemento mobile e fantastico di una nuova creatività con un’energia inesauribile d’una lirica fantasia sognante in totale armonia.

001

002

003

004

005

007

008

013

008

001

002

010

Diplomi accademici a 2020

016

Una linea dolce e sinuosa contorna il delicato volto di bimba, dove il segno sottile rivela un’armonia formale che si sublima nei lievi tocchi dell’acquarello con una sapienza tecnica che sfuma il colore in luce, cogliendo la spontaneità di un tenero sorriso nella memoria di un’eterna fanciullezza, mentre la ricercata dialettica, tra luce ed ombra svela le sfumature delle emozioni di attimi preziosi per vivere liberamente la bellezza di un sogno in poesia.

Premio internazionale Giorgio Morandi

LA LUCE DI MORANDI NEI PAESAGGI DELL’ARTISTA DEBORA FERRUZZI

C’è un’unità armonica che distingue la peculiarità negli acquarelli dell’artista Debora Ferruzzi: la spiritualità in un clima di aurorale purezza. Così, gli splendidi paesaggi si stagliano, tra atmosfere rarefatte nella raffinatezza del cromatismo che via via si stempera nella luminosità con una forte connotazione interiore, tanto che non può prescindere dallo stato d’animo di chi li guarda. I paesaggi, in particolare, seguono ritmi di vibrante luminosità, tra i chiaroscuri soffusi, in cui il quoziente simbolico è evidentissimo, dipingendo con quella leggerezza che solo l’acquarello richiede, mentre il colore diluito, talora si fa pura velatura di luce con quel senso di serenità, di armonia e freschezza che promana dai fogli. Ma la luce che si espande nei suoi originali paesaggi non è intesa come elemento per creare un’atmosfera naturalistica, sebbene come dato di trasfigurazione poetica a cui si ispirò anche Giorgio Morandi per elaborare raffinatissime armonie di toni e sempre nuove invenzioni spaziali dettate da uno stato d’intimità e di nostalgica poesia, dove la stessa luminosità determina una prospettiva illusoria che trascende il reale, percorrendo, oltre l’orizzonte, una nuova via dell’immaginario in lirica e sognante bellezza.

Premio internazionale Filippo De Pisis

PREMIO INTERNAZIONALE FILIPPO DE PISIS – 1° classificato

Negli splendidi acquarelli dell’artista Debora Ferruzzi il tocco scorre lievemente sulla carta: apre varchi all’aria ed alla luce ed insieme costruisce forme che via via si riconoscono nella loro purezza. Ecco che allora, la nostra mente ravvisa qualcosa che va al di là della rappresentazione figurativa: ogni cosa assume un significato più profondo, rivelando ciò che i sensi non possono percepire nell’incantamento di armonia. Così, nella trasfigurazione simbolica del mondo visibile, il colore diviene luce, derivandone un raffinamento di timbri cromatici ed un’ariosa spigliatezza compositiva nell’immediatezza ed aderenza ai dati della realtà, colti nella luminosità del “plein air” che richiama inesorabilmente il linguaggio espressivo di Filippo De Pisis, costituendo una meravigliosa scenografia naturale nell’apparire dei paesaggi, mentre inseguono il tocco dell’aria nell’istintiva espressività. Da essa, quindi, si sprigiona un tono di lucida e tesa ebrezza di sensi nei paesaggi dell’artista Debora Ferruzzi che trascendono ogni abbandono al vero con un empito di sognante lirica, mentre conferisce un’inconfondibile originalità alle vedute veneziane pullulanti di rapide pennellate pervase di un cromatismo scintillante e prezioso nella norma costruttiva di Cèzanne ed in genere del post-impressionismo francese che si riferisce ad una tradizione internazionale del paesaggio nella storia dell’arte moderna, ricondotta ad un sentimento contemporaneo per un inedito linguaggio d’arte.