GIOVANNI CHERUBINI

001

002

002

Giovanni Cherubini – Tarquinia – Viterbo

BIOGRAFIA

Nato a Pavia il 3/07/1945.Laurea in Fisica alla “Sapienza di Roma” (1970). Per molti anni svolge attività di ricerca in collaborazione con Enti e Università. Numerose Pubblicazioni sia Nazionali che Internazionali nel campo della Fisica Nucleare e Ambientale. Attualmente svolge ricerche fondamentali sulla connessione fra energia e deformazioni spazio-temporali (Fisica post-relativistica).

Giovanissimo ha la prima formazione sotto la guida dello zio, Lorenzo Balduini, Pittore in Tarquinia e partecipa ad importanti mostre collettive (via Margutta, Premio Cardarelli).

Attività recenti: Mostre personali a Viterbo e Tarquinia. Inoltre:

Mostra – Selezione Nazionale di dodici pittori contemporanei Aprile 2014 – Gubbio

Mostra – “Triennale del Bramante” – Roma Aprile – Maggio 2016 –

Rassegna nazionale Centro Accademico Maison d’Art di Padova – Palazzo Albrizzi – Venezia 2017

Biennale di Asolo Centro Accademico Maison d’Art di Padova – Asolo 2017

Premio Palladio Centro Accademico Maison d’Art di Padova – Villa Contarini – Piazzola sul Brenta – PD 2017

Rassegna nazionale Dipinti d’Autore Centro Accademico Maison d’Art di Padova – Villa Breda PD 2017

Critica Artistica e Presentazione Opere: Giorgio Grasso.

Poesia: “Onde di Mare -Veglie” (2010),

“ Parole di scena” (2013),

2° premio al “San Valentino 2015” con la Poesia “Ferragosto”,

3° Premio al “Sesto Properzio” 2015 per la Silloge inedita “Notte”

Narrativa racconti:  1° Premio “Il butto” – Clitunno 2014,

3° Premio “Tutti perdenti” – Perugia “Grifo d’Oro 2013”,

3° Premio “Piccola Tunguska” – Gubbio “Novello Bosone 2015”

001

002

003

004

005

006

007

008

009

Diploma Archivio Storico dell'Arte Italiana

Premio accademico Paul Cézanne

Premio accademico Paul Cézanne con testo

PREMIO ACCADEMICO – 1° classificato

PAUL CE’ZANNE – L’ARTE NELL’INCANTO DI LUCE

La splendida pittura del maestro Giovanni Cherubini rivela la sua autenticità nel crearsi un linguaggio proprio e coerente nella costante ricerca di visioni poeticamente luminose con un tocco lieve e rapido, a piccole macchie morbide, sempre vibrato, cioè mai statico che rifiorisce al contatto con la norma costruttiva di Cézanne nell’impianto ariosamente prospettico, dalle limpide partiture tonali nella morbidezza del cromatismo. Vi sento il respiro di una civiltà impressionista che evidenzia il dinamismo interno dei paesaggi, senza alcuna rigidezza programmatica, ma rivolta ad una particolare luminosità, oltre la stessa visione nell’illusione ottica. Ecco che allora, il colore, così raffinato e trasparente nei verdi preziosi ed azzurri tenui, segue questo “ductus” che dalla mente giunge alla libera gestualità, dove sensazioni ed emozioni, quasi improvvise rendono un senso di ariosità alle vedute, ma nel contempo mirano all’unità delle immagini, cioè all’unità tonale che si apre ad un linguaggio dello spirito. Sta qui il fascino nei dipinti del maestro Giovanni Cherubini: la costante dialettica del colore-luce ci riporta ad un’armoniosa bellezza impressionista, filtrata da un’acuta sensibilità in pura poesia sognante.

Testo critico Giorgio Morandi e Giovanni Cherubini

GIORGIO MORANDI - GIOVANNI CHERUBINI MIRABILE PIENEZZA DI LUCE E POESIA

NELL’ARTE

L’ispirazione nasce spontanea di fronte alle armonie naturali che il maestro Giovanni Cherubini rappresenta con incomparabile abilità esecutiva, mentre la spontaneità pittorica esalta l’interpretazione lirica delle vedute paesaggistiche percorse da fremiti vitali, dove le variazioni tonali, timbri e luci sono equilibrate in funzione dei contenuti simboleggiati dai soggetti. E’ allora che la nostra mente ravvisa qualcosa che va al di là della rappresentazione fenomenica del paesaggio: ogni dato reale assume un significato più profondo per svelare, ciò che i sensi non possono percepire. Si potrebbe dire: il colore ogni volta nella squisitezza impressionista diventa luce nel linguaggio espressivo. Così, il realismo nei valori della forma ispirati dall’esperienza metafisica e dall’atmosfera naturalistica di Giorgio Morandi, rivela una particolare luminosità nei silenti paesaggi del maestro Giovanni Cherubini, nutriti di un ricco cromatismo che conferisce un inconfondibile timbro poetico alle incantate visioni di luce.

Premio Accademico Giotto e Dante Alighieri con testo

DIPLOMA HONORIS CAUSA DELLE BELLE ARTI

PREMIO LETTERARIO E DI ARTI VISIVE INTERNAZIONALE GIOTTO E DANTE ALIGHIERI – DUE PROTAGONOSTI DELLA STORIA ITALIANA A CONFRONTO – 1° Classificato

per meriti letterari e per la diffusione dei valori della cultura nelle discipline umanistiche in ambito nazionale ed internazionale

La grandezza della Divina Commedia si identifica nella storia intima del poeta e nel suo graduale sollevarsi dalla colpa e dall’errore alla luce della giustizia e della verità per rappresentare l’umanità, alla quale intende indicare la via della salvezza eterna. Ed è proprio in questa visione dell’individuale universale, il fine ideale del poema che ispira la pittura del maestro Giovanni Cherubini, uomo d’arte e di scienza, a narrare pittoricamente con l’emozionalità del colore e con potenza della fantasia che s’innerva nelle morbidezze cromatiche e formali, la forza del genio di Dante Alighieri nel leggere il destino dell’uomo. In questo consiste la grandezza pittorica della splendida arte di Giovanni Cherubini: essa accompagna nella squisitezza impressionista, emozioni e suggestioni della poetica di Dante, s’inoltra nei trapassi di luce e colore nello spirito creativo del poeta, e ciò spiega come la Divina Commedia sia costantemente ammirata nei diversificati periodi storici che si susseguono sino ad oggi per contemplare e meditare i suoi valori estetici, motivando la vita interiore nella sua essenzialità negli estremi del concreto e dell’astratto, tra materia e spirito e nella coniugazione tra poetica e l’arte di Giovanni Cherubini.

001

Comunque vivere” tratto da passaggi sublimi della “Commedia” come il Canto VIII del Purgatorio ( Era già l’ora che volge il disio ai navicanti e ‘ntenerisce il core….)

001

002

Paul Cèzanne

Paul Cèzanne (1839 – 1906) Aix – en – Provence – Francia

001

002

003

004

005

006

007

008

009

010

011

012