Savoia Rodolfo

001

ARCHIVIO STORICO DELL’ARTE ITALIANA

002

GLI AUTORI DELLA STORIA

Il maestro Rodolfo Savoia vive ed opera a Bologna

Cell. 329.9420898

e-mail: rodolfo_savoia@fastwebnet.it

Attestato Archiviazione 2019 per sito

BIOGRAFIA

Rodolfo Savoia è nato a Poggio Rusco (MN) nel 1947, ma vive a Bologna dal 1963. Insegnante di Chimica nelle Scuole Superiori fino al 2008, ora in pensione, è artista per diletto fin dalla gioventù.
Le prime mostre personali risalgono agli anni ’80, in gallerie di Bologna e dintorni.
In quegli anni partecipa e viene premiato in numerosi concorsi di pittura. Dopo una prolungata parentesi dovuta a vicende personali e impegni professionali, torna sulle scene artistiche nel 1995 con una apprezzata mostra a San Lazzaro di Savena, dove per la prima volta espone soprattutto pastelli su carta. Questa tecnica è stata perfezionata negli anni successivi e assunta dall’artista come mezzo espressivo privilegiato e pressoché esclusivo nelle successive mostre.

ULTIME RASSEGNE D’ARTE:
2006: mostre collettive a tema ad artArt, Bologna
2007: Arte e Portici nel centro di Bologna
2007: Galleria Accursio, Bologna;
2008: PrimaVeraArte in Palazzo Isolani, Bologna.

MOSTRE PERSONALI
2003: Sala Esposizioni Bonfante, Mirandola (MO)
2006: artArt, Bologna
2007: PicoCafé, Mirandola (MO)
2009: Sala Museale del Baraccano, Bologna;
2010: Galleria Il Punto, Bologna.

Rodolfo Savoia utilizza ora pastelli Carandache Neocolor II (acquerellabili ma usati a secco) stesi su carta liscia facendone risaltare la brillantezza e la profondità dei colori.
La rappresentazione è estremamente realistica, accurata e precisa nei dettagli. La tecnica utilizzata rende le opere più simili a pitture che disegni, anche se si tratta effettivamente di disegni su carta.
Nella gamma dei soggetti l’artista ha quasi abbandonato i tradizionali paesaggi e scorci urbani preferendo gli spazi aperti, le marine e i tramonti, toccando anche ambientazioni esotiche e inconsuete; su un altro versante, abbandonate le nature morte, ha affrontato i fiori e soprattutto, con particolare incisività, le figure umane, di solito femminili, tratte spesso dalle immagini pubblicitarie e in generale dall’universo mediatico, riproponendole efficacemente nella propria chiave estetica.


 BIOGRAPHY

Rodolfo Savoia was born in Poggio Rusco (MN) in 1947, but has lived in Bologna since 1963. A teacher of Chemistry in High Schools until 2008, now retired, he has been an artist for pleasure since his youth.
The first personal exhibitions date back to the 1980s, in galleries in and around Bologna.
In those years he participated and was awarded in numerous painting competitions. After a prolonged parenthesis due to personal events and professional commitments, he returned to the artistic scene in 1995 with a popular exhibition in San Lazzaro di Savena, where he exhibited above all pastels on paper for the first time. This technique was perfected in the following years and assumed by the artist as a privileged and almost exclusive means of expression in subsequent exhibitions.

LATEST ART REVIEWS:
2006: collective exhibitions on artArt, Bologna
2007: Arte e Portici in the center of Bologna
2007: Accursio Gallery, Bologna;
2008: PrimaVeraArte in Palazzo Isolani, Bologna.

PERSONAL EXHIBITIONS
2003: Bonfante Exhibition Hall, Mirandola (MO)
2006: artArt, Bologna
2007: PicoCafé, Mirandola (MO)
2009: Sala Museale del Baraccano, Bologna;
2010: Galleria Il Punto, Bologna.

Rodolfo Savoia now uses Carandache Neocolor II pastels (water-soluble but dry) applied on smooth paper, bringing out the brilliance and depth of the colors.
The representation is extremely realistic, accurate and precise in detail. The technique used makes the works more like paintings than drawings, even if they are actually drawings on paper.
In the range of subjects the artist has almost abandoned the traditional landscapes and urban views, preferring open spaces, marinas and sunsets, also touching exotic and unusual settings; on another side, abandoned the still lifes, he faced flowers and above all, with particular incisiveness, the human figures, usually female, often drawn from advertising images and in general from the media universe, proposing them effectively in their own aesthetic key.